Utilizziamo i cookies per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies.
29 maggio 2017

Concorso d’Eleganza 2017

Un altro pregiato week end sul lago di Como è appena trascorso… una magia senza tempo si ripete.

Dal 1929 il lago di Como fa da cornice a questo magnifico evento che si tiene presso il leggendario Grand Hotel Villa d’Este. La kermesse è un momento di incontro per i collezionisti di auto d’epoca e vetture da collezione.

La manifestazione, un tempo dedicata esclusivamente alle auto d’epoca, nel corso degli ultimi anni si dedica anche alle due ruote e in questa edizione del Concorso anche il pubblico ha potuto per la prima volta esprimere la propria preferenza, tra le motociclette iscritte.

Anno dopo anno i contenuti dell’evento migliorano: la bellezza dello scenario del lago di Como è l’unica costante ma ospitalità, organizzazione, coinvolgimento del pubblico, copertura mediatica e il fitto programma delle giornate che accompagna l’eleganza, l’originalità e lo stato di conservazione delle vetture e preziose fuori serie che partecipano all’evento… Insomma al Concorso d’Eleganza si respira un’aria di aristocrazia, magia e nobiltà.

Il premio più prestigioso, la Coppa d’Oro Villa d’Este, il primo dei riconoscimenti che viene assegnato nel weekend del tradizionale Concorso, è stata assegnata al Nibbio del 1935, prototipo costruito dal conte Giovanni Lurani, uno dei personaggi più importanti della storia italiana dell’automobilismo.

Vettura realizzata negli anni 30 per battere tutti i  record di velocità, questa è una monoposto con telaio tubolare e leggera carrozzeria di alluminio costruita all’epoca dalla Riva di Merate ed equipaggiata con un motore bicilindrico Guzzi. È stata presentata direttamente dalnipote del conte Lurani, che l’aveva ricevuta in dono dal nonno.

Degno di nota il parco macchine portato a Villa d’Este: il Concorso ha portato a Cernobbio un parterre di 52 automobili di straordinario valore storico e collezionistico, spaziando dalla Ballot 3/8 LC del 1920 alla Porsche 911 Carrera RSR 2.8 del ’73. Un momento da incorniciare per tutti gli appassionati.