Utilizziamo i cookies per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies.
03 novembre 2016

Colazione all’Italiana sul lago di Como

La colazione si sa è il primo pasto della giornata, considerato anche il più importante… Ma qual è il tipico Buongiorno all’Italiana?

Da molti esperti considerato il pasto più principale (soprattutto per i bambini), la colazione è la prima assunzione di cibo fondamentale perché l'organismo proviene da 11 ore di digiuno ed ha bisogno di energia di rapida utilizzazione per affrontare una nuova giornata, tra ogni pasto passano circa 3 ore. È quindi importante che sia bilanciata e che apporti il giusto quantitativo di calorie.

I prodotti consumati variano da paese a paese, poiché in alcune culture si predilige il salato mentre in altre il dolce, ma un tratto che accomuna tutte le abitudini mattutine è la completezza dei nutrienti: infatti un mix perfetto tra carboidrati (semplici o complessi) proteine e vitamine sono comunemente utilizzati.

A CastaDiva Resort & Spa, avremo presto il privilegio di celebrare la chiusura stagionale con una super colazione a cura della pasticcera-artista Loretta Fanella, del pasticcere Giovanni Cappello e  Vincenzo Piccirillo, mago della pizza fritta.

SCOPRIAMO CHI SONO QUESTI MAESTRI E PREZIOSI CUSTODI DELLE NOSTRE TRADIZIONI:  

GIOVANNI CAPPELLO
Giovanni, terza generazione di una famiglia di pasticceri, respira sin dalla nascita i profumi dello zucchero e del cioccolato nella pasticceria dei suoi genitori a Palermo. I suoi giochi di bambino erano la pasta di mandorle e la frutta martorana.
Nel 2003 partecipa al Campionato Italiano Juniores della Pasticceria e si classifica al terzo posto.
Dal 2005, fa parte della Nazionale Italiana Cuochi nel ruolo di Pastry Chef, girando il mondo alla ricerca di spunti e sapori per le sue creazioni. Determinato, spigliato e competitivo, predilige gareggiare in team. Giovanni è molto legato alla sua Palermo, anche se sogna di aprire una sua pasticceria all’estero. Forse anche per questo ha deciso di partecipare a Il Più Grande Pasticcere.

VINCENZO PICCIRILLO
Quando per le vie di Napoli si parla di Pizza Fritta vuol dire Vincenzo Piccirillo e più precisamente Antica Friggitoria “La Masardona”. Qui ancora oggi la ricetta è quella della nonna di Vincenzo Piccirillo, detta la Masardona, la signora Anna Manfredi che nel dopoguerra, per fare qualche soldo, cucinava la pizza fritta in strada sotto casa, proprio come Sofia Loren nel film “L’Oro di Napoli”. Da allora, molte cose sono cambiate, ma la pizza è sempre la stessa. Vincenzo è infatti l’unico a Napoli a seguire la tecnica del doppio disco di pasta per contenere il condimento, invece di piegare un solo disco a forma di tasca. Non a caso questo piccolo locale è sempre affollato di clienti che pazientemente aspettano una pizza fritta ripiena di cicoli, ricotta di bufala, provola, pepe e basilico.

LORETTA FANELLA
Loretta Fanella da bambina non desiderava diventare la pasticcera gourmet internazionale che è oggi. Sognava di fare la stilista. Ma i suoi genitori non sopportavano l’idea di averla lontana, per questo scelse di frequentare la Scuola Alberghiera Leonardo da Vinci di Fiuggi. Dopo il diploma, giovane e piena di entusiasmo, il debutto nel mondo della ristorazione.
L’esordio avviene nel 1999 nel ristorante Antica Pesa dello chef Fabio Tacchella. Un’esperienza fondamentale, illuminante per il suo avvenire. Quando le propongono di restare per sostituire il responsabile della pasticceria, quello che doveva essere un breve stage si trasforma nel suo primo lavoro. Diventa, così, responsabile del reparto antipasti e pasticceria del ristorante. Dopo due anni diventa assistente per la scuola bresciana CASTAlimenti, una scuola privata di perfezionamento di pasticceria. Un’esperienza ponte che le permette di entrare in contatto con le personalità più rilevanti della gastronomia italiana.
Nel 2001 Carlo Cracco le offre un posto da chef nella pasticceria del suo ristorante Cracco Peck (due stelle Michelin). Attenzione alla qualità, ricerca del prodotto, rinnovamento e innovazione costante della carta dei dessert e della piccola pasticceria.
La metamorfosi arriva nel 2003 con il viaggio in Spagna. Dopo aver conosciuto Albert Adrià in Italia, approfitta di una vacanza estiva per fare uno stage a El Bulli di Ferran e Albert Adrià e dopo sole due settimane i fratelli le propongono di restare con loro a Roses. Approdata per uno stage mensile, Loretta si ferma in Costa Brava per tre anni, conquistando la stima di tutti. Qui realizza alcune delle sperimentazioni culinarie più deflagranti in assoluto, comprende che è possibile sconfinare, sperimentare, andare oltre il tracciato, creare qualcosa di diverso, ribaltare le regole del ‘momento’ dessert.
Nel 2006 la decisione di rientrare in Italia, spinta soprattutto dal desiderio di mettersi nuovamente alla prova, smuovere il blocco della pasticceria da ristorazione nostrana, portare il cambiamento a cui lei stessa ha dato inizio in Spagna. Tra le diverse proposte sceglie l’Enoteca Pinchiorri di Firenze. Era il novembre 2006 e con il suo arrivo la pasticceria dell’Enoteca cambia faccia.
Grazie ai dolci nuovi e creativi, intorno ai quali si generano vere e proprie discussioni, riceve svariati premi, tra cui l’importante riconoscimento come “Miglior pasticcera d’Italia 2007” dalla guida di Paolo Marchi. Dal 2008 Loretta si dedica alla formazione di colleghi e professionisti del settore, oltre a curare la carta dessert per diversi hotel e ristoranti.
Nel 2010 la pubblicazione del libro “Oltre” (Avanguardia Culinaria Edizioni), una raccolta di trentasei dolci articolati, tradotto in quattro lingue. Nel 2014 viene nominata Brand Ambassador di Lavazza.

SEGNATE IN AGENDA I DETTAGLI:
6 novembre: Top Italian Breakfast, colazione all’italiana: Gran chiusura di CastaDiva Resort & Spa con colazione a cura di: la pasticcera-artista Loretta Fanella, il pasticcere Giovanni Cappello della rinomata Pasticceria Siciliana Cappello di Palermo, Vincenzo Piccirillo mago della pizza fritta della Pizzeria La Masardona di Napoli.

INFO & PRENOTAZIONI: fb@castadivaresort.com | 031. 32511 | www.castaivaresort.com